Book

Book:  soppiantato dal virtuale, schiacciato dalle leggi del mercato e della redditività, continua ancora a sedurre, anche nelle sue versioni meno nobili e se ne scopre sempre più l’influenza sui primi anni di sviluppo della personalità dei maggiori esponenti culturali di tutto il mondo, quasi da rendere sospetta una precedenza della lettura sulla parola.

Chi fin da bambino leggeva i classici e chi arriva addirittura ad affermare: “ Non è la letteratura che deve imitare la vita, è la vita che deve imitare la letteratura”(Paco Ignacio Taibo II)

E allora, se così fosse, non ci resta che prendere in mano un libro e cominciare a vivere.

Sono Publio Virgilio Marone e sbarco in fin di vita e disteso su una portantina a Brindisi di ritorno dalla Grecia.

Sono Alejandra Olmos belva scatenata, sensuale e misteriosa, vittima innamorata del paranoico Ferdinando.

Sono Ernesto Che Guevara impantanato nella foresta amazzonica boliviana alle prese con l’indifferenza e la passività dei peones.

Sono Arnulf e ripercorro la mia vita per scoprire quanto poco sia stato attento a tutto ciò che mi succedeva.

Un tempo la scelta dei romanzi …..

Dalla presentazione della rivista Paginauno (vedi Links)

……………… .

Un tempo la scelta dei romanzi competeva ai redattori, i quali a loro volta erano spesso scrittori pubblicati nel catalogo dell’editore per il quale lavoravano. Di conseguenza, non avevano alcun interesse a mescolare i loro romanzi con opere di discutibile qualità. Che la si chiami orgoglio di appartenenza, snobismo, o, più semplicemente, supponenza, (se non la si vuole definire amore per la letteratura) una simile dinamica garantiva una forza alla narrativa di valore qualitativo. Oggi potremmo dire, con un pizzico di nostalgia, che le garantiva l’esistenza.

È inevitabile che il commercio, nelle mani dei manager, finisca, nella telefonia come nell’arte, per assestarsi nel dominio del superfluo. E in libreria, i consumatori non vengono cercati tra i lettori veri, bensì tra chi acquista un prodotto soltanto perché se ne parla o perché visto in vetrina. …..

A questo si aggiunge la logica di vendita del mercato chiuso. La catena editoriale viaggia su cinque anelli: chi scrive il libro, chi lo pubblica, chi lo promuove, chi lo distribuisce e chi lo ordina per poi venderlo. Si parla di mercato chiuso quando, come accade in Italia, gli editori gestiscono una catena di librerie sull’intero territorio nazionale e controllano le società di promozione e di distribuzione. Il che comporta la possibilità di stabilire, in totale autonomia, quale libro venderà e, in senso più lato, decidere che cosa è cultura e che cosa non lo sia, che cosa deve piacere e che cosa no. Ferme restando le logiche di scelta del prodotto da pubblicare e da lanciare sul mercato, un simile modello di monopolio restringe la possibilità di scelta del consumatore, quando addirittura non lo costringe a confrontarsi con un’unica tipologia di prodotto, livellato al gusto della massa. ….

E così si instaura l’abitudine a considerare il libro come un prodotto di consumo. Un Eldorado che tuttavia non manca di rilevanti danni collaterali: sviluppo produttivo a crescita esponenziale; riduzione del tempo di vita media di un romanzo in libreria, a scapito dei romanzi che, per la difficoltà dei contenuti e per la particolarità delle tematiche trattate, abbisognano di tempi lunghi per creare un proprio pubblico; e strangolamento della piccola editoria indipendente, cui vengono sottratti sugli scaffali i già ristretti spazi vitali. D’altronde, come diceva quello là? È il mercato bellezza!

Sappiamo bene che la Novità è sempre di moda.

…………………… .

Walter G. Pozzi e Giovanna Cracco

VI festival del lbro de artista y la pequeña edición

VI festival del lbro de artista y la pequeña edición

Annunci

Una Risposta to “Book”

  1. bazarbookpress 28 settembre 2011 a 9:35 am #

    E poi?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: